Organizzazione e performance

La valutazione delle performance organizzative

L’attività di misurazione e valutazione delle performance e delle prestazioni del personale si è collocata al centro della riforma del lavoro pubblico configurata a partire dagli anni novanta con le disposizioni normative confluite poi nel decreto legislativo n. 165/2001 fino alle recenti disposizioni contenute nella legge n. 15/2009, nel Decreto Legislativo n. 150/2009 e nel decreto legge n. 95/2012 convertito in legge n. 135/2012. La riforma ha posto al centro dell’azione amministrativa la logica della misurazione e valutazione della performance e dei risultati, oltre che focalizzare l’attenzione su una gestione efficiente ed efficace attraverso un utilizzo delle risorse ottimale.

Tali obiettivi possono essere perseguiti solo in un’Amministrazione che considera la centralità della persona l’elemento fondante delle politiche organizzative e gestionali e mira a valorizzare e premiare il contributo di tutti i dipendenti regionali al raggiungimento delle finalità istituzionali dell’Ente. Diventa, quindi, fondamentale la costruzione di un sistema di valutazione delle prestazioni del personale in grado di promuovere la corretta attribuzione ed assunzione delle responsabilità, la chiara definizione di obiettivi misurabili mediante un sistema di indicatori quantificati, la corretta gestione delle risorse umane e finanziare assegnate, nonché di esplicitare meccanismi trasparenti di incentivazione per i risultati raggiunti in un’ottica di direzione per obiettivi e in raccordo con i contratti collettivi di lavoro.

Da questo punto di vista lo Smart Working può rappresentare lo strumento per rivedere i principi di performance individuale e organizzativa.

 

Che cosa contiene il kit di riuso

Il kit di riuso di VeLA intende fornire un framework di evoluzione della valutazione delle performance organizzative.

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/05/16 11:25:00 GMT+2 ultima modifica 2019-06-06T10:55:28+02:00