VeLA - La campagna di comunicazione

La spinta all’innovazione e al cambiamento organizzativo non può partire solo dall’alto, da obblighi istituzionali o indicazioni normative. Sono le persone che compongono le organizzazioni, che le vivono e le guidano, ad essere chiamate a mettersi in gioco per avviare progetti innovativi, innescando leve di cambiamento. E in gioco le 9 amministrazioni partner del progetto VeLA si sono messe sul serio, collaborando tra di loro e con FPA alla costruzione della strategia di comunicazione del progetto.

La spinta all’innovazione e al cambiamento organizzativo non può partire solo dall’alto, da obblighi istituzionali o indicazioni normative. Sono le persone che compongono le organizzazioni, che le vivono e le guidano, ad essere chiamate a mettersi in gioco per avviare progetti innovativi, innescando leve di cambiamento. E in gioco le 9 amministrazioni partner del progetto VeLA si sono messe sul serio, collaborando tra di loro e con FPA alla costruzione della strategia di comunicazione del progetto.

La campagna nasce, infatti, da un percorso di co-design [1], di progettazione condivisa, tra i responsabili del Progetto e i Referenti comunicazione delle 9 Amministrazioni partner e FPA, con lo scopo di condividere i bisogni di tutti e definire insieme le linee guida del progetto, individuando insieme concept e messaggi per i diversi target destinatari della comunicazione e il tono di voce da utilizzare per dare corpo e anima al progetto, lavorando sui concetti di:

  • Personalità (come metafora delle caratteristiche umane, applicate al concetto di SW)
  • Carattere (come simbolo che identifica lo SW)
  • Valori (come dimensioni valoriali associabili allo SW)

L’identità complessiva di progetto

Il progetto VeLA sviluppa, dunque, la sua identità su un concept di riferimento, da cui derivano gli elementi di grafica e comunicazione di base: lo smart working per la PA è un’innovazione in grado di spingere l’Amministrazione verso la trasformazione digitale; come una vela, infatti, raccoglie il vento dell’innovazione per sospingere la Pubblica amministrazione verso un percorso di crescita. Veloce, Leggero, Agile: è questa l’idea alla base del modello di smart working proposto dal progetto VeLA, che permette di fare evolvere l’organizzazione del lavoro all’interno delle Pubbliche Amministrazioni, orientandola al risultato.

Pensato come leva di trasformazione organizzativa e digitale, lo Smart Working di VeLA è:

  • Veloce, per accessibilità e attuazione;
  • Leggero, per implementazione e investimento organizzativo;
  • Agile, per flessibilità e sostenibilità.

Il logo, elaborato sul lettering dell’acronimo “VeLA”, richiama la figura stilizzata della barca a vela e utilizza il simbolo della connessione wireless per sottolineare sia l’elemento tecnologico sia la libertà dai vincoli strutturali, rappresentati dalla connessione plug-in.

Il pay-off “veloce | leggero | agile” comunica in modo diretto il carattere che si vuole attribuire al modello di Smart Working.

La comunicazione ombrello - il claim

Il futuro del Lavoro, oggi.
Veloce. Leggero. Agile.

È questo il claim unico di progetto, che punta sulle amministrazioni coinvolte nel progetto come protagoniste del cambiamento.

Il messaggio anticipa il tema del lavoro agile, esplicitato nella body copy, personalizzata rispetto a tre target individuati:

I lavoratori delle PA coinvolte

La prima strategia specifica riguarda i lavoratori delle PA coinvolte per:

  • promuovere il coinvolgimento diretto dei destinatari;
  • comunicare l’impatto positivo dello smart working sull’organizzazione dell’Amministrazione;
  • promuovere la ricerca di informazioni e l’accesso alla sperimentazione.

La comunicazione ai dirigenti

La seconda strategia specifica riguarda i dirigenti e i policy maker sia quelli della Amministrazione coinvolta nel progetto sia quelle che - per prossimità o attrazione - fanno riferimento al medesimo territorio. In questo caso, la strategia persegue i seguenti obiettivi:

  • promuovere nei dirigenti una diversa idea di smart working;
  • vincere stereotipi e pregiudizi verso il lavoro agile;
  • promuovere l’endorsement al progetto.

La comunicazione all’utenza

Gli obiettivi specifici della terza strategia sono invece finalizzati a:

  • sensibilizzare i cittadini sulle ricadute dello smart working in termini di maggiore efficienza e sostenibilità ambientale;
  • contribuire al superamento di stereotipi e pregiudizi sulla burocrazia e il pubblico impiego.

La comunicazione off line

Il progetto di comunicazione VeLA estende dall’on line all’off line, attraverso la promozione e la sensibilizzazione sul tema dello smart working. Per oltre un anno gli Enti partner hanno lavorato sui temi organizzativi, amministrativi e procedurali, ma si sono anche aperte al confronto sull’accompagnamento agli smart worker e all’empowerment della dirigenza, alla comunicazione ai cittadini e alla misurazione e valutazione della performance e della produttività del lavoratore, agli spazi come leva del cambiamento e al ruolo abilitante delle tecnologia anche attraverso la realizzazione di due eventi:

  • il primo è stato occasione per analizzare la componente spaziale in un’iniziativa di smart working, il suo impatto sugli stili di lavoro, sul senso di appartenenza all’organizzazione e sul cambiamento organizzativo.
  • il secondo evento è, invece, destinato a diffondere e promuovere i risultati del progetto e si colloca alla fine dello stesso nell’ambito della Manifestazione FORUM PA 2019.
    L’appuntamento rappresenta il convegno finale di questa esperienza di lavoro insieme, che non si conclude con il progetto, ma che vede le amministrazioni impegnate in una roadmap di implementazione e soprattutto in un’azione di sensibilizzazione e di trasferimento ad altre Amministrazioni.

VeLA è una buona pratica a misura di tutti, una via comune per lo smart working.

 

 

[1] La metodologia del LEGO® SERIOUS PLAY® (LSP), modello alla base del percorso di co-design ha ispirato la strategia della campagna di comunicazione di VeLA e costituito punto di partenza da cui è fluito l’intero progetto di comunicazione.

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/05/02 10:56:24 GMT+2 ultima modifica 2019-05-02T10:56:24+02:00